1955: l’alieno di Diamantina

alieno-diamantina-ferrara-1955Tra i nostri obiettivi vi è quello di diventare un punto di riferimento per tutti i ferraresi che sono convinti di aver vissuto un’esperienza di natura ufologica. Per perseguire tale obiettivo siamo andati in giro per molti comuni delle province di Ferrara e Rovigo, tenendo conferenze gratuite presso amministrazioni comunali, associazioni culturali, radio e televisioni private. Il successo di pubblico e di interesse che abbiamo riscontrato è stato semplicemente “incredibile”. Non diciamo tutto ciò per farci grandi, ma solo per sottolineare il fatto che sono veramente tantissime le persone interessate al nostro argomento e non sono poche, tutto sommato, quelle che sono fermamente convinte di aver avuto una o più esperienze di natura ufologica.

UNO DEI TESTIMONI

Questa storia ci venne narrata dal signor D. G. A., un arzillo e robusto settantacinquenne ormai ottantenne nel 2015) il quale non vedeva l’ora di trovare qualcuno a cui raccontare la terribile avventura che si andava portando dentro da oltre cinquant’anni. Nativo di Formignana (Fe), una volta saputo dai quotidiani locali della nostra conferenza sull’ufologia, si fece accompagnare da un suo amico un po’ più giovane ed ascoltò in silenzio e con grande attenzione, senza mai intervenire poi, alla fine, ci raccontò il fatto di cui era stato testimone. Premise di essere tanto convinto di quello che aveva visto che ci autorizzò a scrivere il suo nome e cognome per esteso, cosa questa che naturalmente non facciamo mai, nel pieno rispetto della legge sulla privacy.

IL LUOGO DELL’AVVISTAMENTO

Comune-Vigarano-MainardaEra una sera di settembre del 1955 ed il signor D. G. A. in quel periodo svolgeva l’attività di camionista. Il suo compito consisteva principalmente nel caricare prodotti provenienti dallo scarto della lavorazione delle barbabietole e andarli a scaricare nelle campagne, laddove qualche agricoltore lo richiedeva, ritenendo tali prodotti utili alla concimazione del terreno. Quel giorno era in compagnia di un amico e avevano caricato e scaricato già alcune volte e quello che stava portando a termine era il suo ultimo viaggio. La destinazione degli scarichi era stata, per tutta la giornata, una vasta area delle campagne di Diamantina di Vigarano Mainarda (FE).

L’INCONTRO CON IL PRESUNTO EXTRATERRESTRE

Era sera ormai inoltrata e per completare il lavoro dovette accendere i fari del camion. Proprio in quell’istante, il potente fascio di luce andò ad inquadrare un essere piccolissimo, molto più basso di un bambino. Notarono distintamente che indossava una tuta argentea ed aveva un corpo esilissimo. Poiché fu come accecato dalla luce improvvisa, prima si coprì immediatamente il viso poi si chinò per cercare un ulteriore riparo e, infine, decise di fuggire a piedi e scomparve nelle ombre della notte. I due camionisti rimasero letteralmente terrorizzati da ciò che avevano visto, ma trovarono la forza per inseguire il piccolo essere per alcuni metri, poi si fermarono e decisero che sarebbe stato meglio rimanere nei pressi del loro camion. Fin dal primo istante non ebbero alcun dubbio su ciò che avevano visto: quello non era un bambino, ma un essere proveniente da un altro mondo.

Precedente UFO in Italia: cronaca del 1978 Successivo 1971: l'umanoide volante di Bobbio